Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

CAI MARESCA MONTAGNA PISTOIESE

Prossimi eventi. Tutti gli eventi si intendono sospesi fino a diverse disposizioni.

Tramonto al Rondinaio
Data 22.08.2020

Seguirà programma

Cammino di San Bartolomeo
29.08.2020 - 30.08.2020

Seguirà programma

Guida per Escursionisti

ABBIGLIAMENTOappuntidimontagna

L’abbigliamento svolge due principali funzioni: una di protezione termica e una di protezione dagli agenti atmosferici (precipitazioni, vento, etc.). Fra le tante soluzioni possibili prevale l’abbigliamento a strati, adattabile alle varie situazioni climatiche riscontrabili in montagna e spesso in linea con le più recenti innovazioni tecniche. Solitamente è composto da quattro "strati" da impiegare in varie possibili combinazioni a seconda delle diverse esigenze.
Passiamo ora ad esaminare come possono essere costituiti i singoli strati:

I strato:
A contatto con la pelle, ha essenzialmente funzioni termiche e di smaltimento del sudore agli strati soprastanti; perchè svolga al meglio questa funzione va portato aderente al corpo;

II strato:
Immediatamente sopra l'intimo, deve coprire senza impedire troppo i movimenti. Ideali i capi con una certa elasticità, molto funzionale la presenza di tasche, meglio se ampie e munite di chiusura a cerniera.

III strato:
La funzione termica viene svolta egregiamente da un maglione tipo "pile" di impiego ormai diffusissimo;

IV strato:
E’ quello più esterno. A differenza dei precedenti strati, qui la funzione principale non è più quella di riscaldamento e traspirazione del sudore, bensì di protezione dagli agenti atmosferici. La giacca a vento in goretex (Speciale membrana inserita nella giacca traspirante e antivento) senza imbottiture con cappuccio, è il capo da tenere tutto l'anno in fondo allo zaino pronto ad ogni evenienza. Assume grande importanza il suo peso ed il suo ingombro.

ACCESSORI ABBIGLIAMENTO

A completamento del discorso abbiamo poi tutta una gamma di accessori, alcuni dei quali decisamente indispensabili. E’ utile ricordare al riguardo che nella protezione termica del corpo è particolarmente importante ed efficace agire sulle estremità (testa,mani,piedi). Con gli accessori che di seguito elenchiamo:

Berretto, passamontagna, cappello estivo
Guanti o moffole
Calzettoni: molto validi quelli con spessore differenziato;
Ghette: indispensabili sulla neve alta, si rivelano particolarmente utili per evitarne l’entrata nello scarpone;

Zaino: Determinante è l’utilizzo a cui è destinato, a grandi linee, così possiamo definirne le caratteristiche:

  • Fino a 40 litri: per escursioni giornaliere;
  • da 40 a 60 litri: per escursioni di due o tre giorni;
  • oltre 60 litri: per trekking impegnativi;
  • La forma dev'essere tale da mantenere il carico più vicino possibile al corpo dell'escursíonista.
  • Indispensabile la presenza di un telaio rigido, situato internamente alla struttura.
  • Presenza di canali di passaggio dell'aria sul dorso per ridurre la sudorazione.
  • Spallacci e cinturone devono essere dimensionati ed imbottiti.
  • Presenza del sistema di regolazione che ne permetta l'adattamento alla schiena.
  • Tessuto di nylon per migliorare la resistenza agli sfregamenti, l'impermeabilità ed il peso dello zaino stesso.

Scarponi: Sicuramente l'attrezzo più importante per l'escursionista, possiamo esaminarli nelle due parti essenziali: suola e tomaia.

  • SUOLA: comprende una parte in gomma scolpita, posta sotto ad uno strato di materiale morbido con funzione ammortizzante; per realizzare poi la dovuta aderenza al terreno, la suola deve essere tassellata.
  • TOMAIA: E' la parte alta dello scarpone, quella che racchiude piede; in genere è in pelle, ma può essere anche in tessuto sintetico o in materiale plastico.

ACCESSORI DA TENERE NELLO ZAINO

Occhiali da sole
Materiale pronto soccorso
Recipienti per alimenti e bevande
Torcia elettrica frontale
Cartina geografica in busta impermeabile
Bussola
Altimetro
Binocolo
Mantella Impermiabile antipioggia
Borraccia
Coltello multiuso

ATTREZZATURA SPECIFICA

Bastoncini telescopici: come quelli usati per sciare, singolarmente o meglio in coppia, riducono notevolmente la fatica dell'escursionista, specialmente se si usa uno zaino pesante, ed inoltre aumentano la sicurezza in condizioni di equilibrio precario.
Piccozza: Serve allorchè si prevedano tratti su neve e ghiaccio o nell'attraversamento di nevai.
Ramponi: Hanno più o meno lo stesso campo d'impiego della piccozza, indispensabili in caso di neve dura o ghiaccio.
Racchette da neve: indispensabili in caso di neve fresca.

I PERICOLI DELLA MONTAGNA.

PERICOLI OGGETTIVI:

La caduta di pietre
Le valanghe
Le slavine
Il ghiaccio
I fenomeni atmosferici:

La nebbia
Il freddo
Il vento
La pioggia
Il temporale, il fulmine

PERICOLI SOGGETTIVI:
Incapacità e impreparazione fisica
Impreparazione morale
Ignoranza e impreparazione tecnica
Scelta dei compagni

IN CASO DI NECESSITA’, INCIDENTE O EMERGENZA SANITARIA IN MONTAGNA IL NUMERO DA CHIAMARE PER ALLERTARE I SOCCORSI E IL CORPO NAZIONALE DEL SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO E’ IL
118

Regolamento Escursioni

REGOLAMENTO ESCURSIONI

Art. 1 - PARTECIPAZIONE.
Chi intende partecipare ad una gita organizzata dalla sezione, prima di iscriversi deve valutare leprevedibili difficoltà sulla base del programma e delle altre informazioni disponibili, in base allapropria preparazione fisica e tecnica. I soci giovani che non abbiano compiuto 16 anni possonopartecipare da soli alle escursioni solo se autorizzati per iscritto dai genitori o da chi ne esercita lapatria podestà.


Art. 2 -DIREZIONE.
Ogni partecipante alla gita è tenuto a collaborare con il capo gita o eventuali capi comitivadesignati, nonchè con tutti gli altri partecipanti per assicurare la buona riuscita della gita ed è tenutoad impegnarsi con la propria esperienza al fine di assicurare la massima sicurezza di tutti icomponenti la comitiva. La partecipazione alla gita comporta l'obbligo di ogni partecipante adessere solidale con il capo gita e di adeguarsi alle sue decisioni, specialmente quando insorgono osiano insorte difficoltà. Non sono consentite deviazioni dai percorsi programmati se nonespressamente autorizzate dal capo gita, il quale valuterà insindacabilmente l'opportunità diaccedere o meno alla richiesta. Questa verrà accettata solo se gli interessati verranno consideratiautosufficienti e in tal caso il capo gita verrà a tutti gli effetti sollevato da qualsiasi responsabilità.


Art. 3 -ORARI E PARTENZE.
Il ritrovo per la partenza avviene con qualunque tempo, salva comunicazione contraria agli iscritti.E' tassativo il massimo rispetto della puntualità degli orari di ritrovo. I ritardatari non avrannodiritto ad alcun rimborso della quota pagata.


Art. 4 - ISCRIZIONI E QUOTE.
Le iscrizioni sono valide e danno diritto a partecipare alla gita solo se accompagnate dal pagamentodella caparra stabilita. Le iscrizioni si chiudono inderogabilmente entro il termine fissato dagliorganizzatori o al raggiungimento del numero massimo dei partecipanti previsto. Nel caso diimpossibilità a partecipare alla gita dopo l'avvenuta iscrizione, la quota o la caparra versata saràrestituita solo se subentrerà un partecipante in lista d' attesa. La quota versata verrà restituita nelcaso l'escursione per cause di forza maggiore venga annullata. La sezione si riserva di non accettarealle escursioni persone non idonee ovvero insufficientemente equipaggiate.


Art. 5 - ACCETTAZIONE DEL REGOLAMENTO.
L'iscrizione all'escursione comporta l'accettazione incondizionata del presente regolamento e del programma di ogni singola gita. I partecipanti alle escursioni, con l'accettazione del presente regolamento, esprimono altresì il loro consenso a che le immagini relative all'escursione, persone incluse, siano pubblicate sul sito web della Sezione.

Sottocategorie

In questa categoria sono inserite tutte le attività programmate dalla Sezione CAI Maresca Montagna Pistoiese e inserite nel calendario annuale 2019.

In questa categoria sono inserite tutte le attività programmate dalla Sezione CAI Maresca Montagna Pistoiese e inserite nel calendario annuale 2020.

Cerca