CAI notizie principali

CAI Lo Scarpone on-line - News
  1. 21 febbraio 2020 - Dodici uscite da marzo a ottobre rivolte a bambini e ragazzi dagli otto ai diciassette anni, che offriranno loro la possibilità di scoprire e conoscere alcuni tra i più interessanti aspetti dell’ambiente montano. E’ pronto il programma di attività 2020 della Scuola di Alpinismo giovanile “Luigi Bombardieri – Nicola Martelli”, che fa capo al CAI Valtellinese di Sondrio, al CAI Morbegno e al CAI Valmalenco.

  2. 21 febbraio 2020 - Un viaggio fotografico nel mondo sommerso dei fiumi, per scoprire la bellezza che si nasconde sopra e sotto la superficie dell’acqua e soprattutto conoscere i pesci che vi vivono. Ad organizzarlo il Cai Sem in sede nella sua sede il 27 febbraio alle 21.

  3. 20 febbraio 2020 - "Le maschere di Pocacosa"è unromanzo per ragazzi che narra un'insolita storia di montagna, traboschi, libertà e contrasto al bullismo. Grazie allaconvenzione tra il Club alpino italiano e l'associazione Libro Parlato Lions di Verbania, diventa ora un audiolibro a disposizione di chi non può leggere autonomamente (come ciechi, ipovedenti, disabili fisici e psichici, pazienti ospedalizzati, dislessici e autistici).

  4. 20 febbraio 2020 - E cosi, rieccoci. L’Alpinismo Giovanile del CAI Melzo ha iniziato le sue attività con la prima uscita proposta al gruppo dei nostri aquilotti più piccini.
    Una nutrita schiera, (30 bambini di età compresa tra 7 e 10 anni), domenica 16 febbraio si è presentata all’alba al punto di ritrovo dove ci attendeva il pullman che ci ha portati a Cogne, località valdostana non ancora deturpata in modo irreversibile dagli impianti di risalita.

  5. 20 febbraio 2020 - Il campanile della Val Montanaia accoglieva gli alpinisti che risalivano la via tra due gruppi dolomitici: i Monfalconi e gli Spalti di toro, in Friuli Venezia Giulia. Le prime cordate a far risuonare i rintocchi della campana, sono state quelle formate da Von Glanvell e da Von Saar e dai triestini Cozzi e Zanutti. Negli anni, alpinisti provenienti dal Friuli, dall'Italia, dall'Europa e da tutto il mondo hanno affrontato la salita per raggiungere le pareti di questa famosissima guglia dolomitica. Nel settembre 2019 però, la sua campana è stata colpita da un fulmine. Per ripararla, la sezione del Club Alpino Italiano di Pordenone ha lanciato una campagna di crowdfunding per poterla riportare alla sua condizione originaria. L’obiettivo da raggiungere è 1000 euro. Al momento sono stati raccolti 107 euro