Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

CAI MARESCA MONTAGNA PISTOIESE
Due giorni al Rifugio con i Giovani del CAI
Data 15.06.2024 - 16.06.2024

programmaI GIOVANI DEL CAI: WEEK-END AL Rifugio del...

Dolomiti Fassane
21.06.2024 - 23.06.2024

programmaVenerdì 21 giugno
Ore 07.00 Partenza da Campo...

Festa 60° GSMP (Lucca)
29.06.2024 - 30.06.2024

programmaprogramma in definizione

FAMILY CAI. AZIENDA AGRICOLA LE RONCACCE E VISITA ALLA FATTORIA
30.06.2024

programmaFAMILY CAI

30 GIUGNO 2024

Al termine di una...

Qualificazione Rifugio del Montanaro per Terapia Forestale
06.07.2024

programmaEsperienza speciale di Terapia Forestale CAI-CNR

Nella...

Passo del Cerreto Groppi di Camporaghena rifugio Sarzana

Calendario
Scuola di Escursionismo (attività 2024)
Data
08.06.2024 - 09.06.2024
Ubicazione
Rifugio Città di Sarzana
Diffficoltà
T Escursione Turistica
Organizzazione
AE EAI Panichi Massimiliano cell. 3392539646, AE Frangioni Massimo cell. 3479247633

Descrizione

programmaEscursione ad anello nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, in parte sul Sentiero Italia, al confine fra le province Massa e di Reggio Emilia, nella zona fra il Passo del Lagastrello e il Passo del Cerreto. La traversata dei Groppi di Camporaghena costituisce uno degli itinerari più appaganti di tutto l'Appennino Tosco Emiliano, sia per i panorami che offre, sia per le difficoltà escursionistiche che presenta, sia per l'impegno fisico che richiede; con il loro crinale, essi segnano il confine fra le province di Massa e Reggio Emilia e sono caratterizzati da tratti di cresta stretta, frastagliata ed esposta, assicurata, in vari punti, da cavi metallici. Ne risulta un percorso attrezzato abbastanza impegnativo che richiede esperienza e passo sicuro. Per percorrerlo in sicurezza è obbligatorio l’uso del KIT da Ferrata.

Il percorso prevede anche la salita dell’Alpe di Succiso, una delle poche vette dell’Appennino Tosco-Emiliano al di sopra dei 2000 m.

 DESCRIZIONE

1°giorno:

Sul retro del bar-ristorante “Passo del Cerreto” (dir. NO), si imbocca il sentiero 00, che con brevi saliscendi tra prati e boschetti di faggio, porta alla la piatta insellatura prativa del Passo dell’Ospedalaccio (1278 m).

Da qui si continua su segnavia 00 su sentiero sempre più ripido lungo la massima pendenza, costeggiando una recinzione e tenendosi ai margini di un incavato canalone erboso. Si attraversano alcune piccole pietraie e si superano elementari gradini rocciosi. Si giunge quindi all’inizio della cresta sud-est del Monte Alto, che fra tratti di cresta ampia ed erbosa e tratti rocciosi più sottili, porta sulla Tecchia dei Corvi (1856 m).

Qui inizia la parte più impegnativa del percorso. dove è già opportuno indossare il set da ferrata. Poco dopo infatti, procedendo su roccette e creste affilate, si giunge all’ultimo tratto esposto protetto da cavo, che in breve ci porta sulla piatta cima del Monte Alto (1903 m; 2.15 – 2.45 ore dal Passo del Cerreto).

Il sentiero prosegue in falso piano tra le praterie d'alta quota, ma ben presto ci si ritrova in discesa tra le roccette; qui iniziano i Groppi di Camporaghena, una serie di saliscendi che si sviluppano sul filo di cresta, per lo più rocciosa in parte protetti da cavo e intervallati da sentiero su prateria o passaggi su roccette. In circa un’ora arriviamo all’altro rilievo importante, Punta Buffanaro (1879 m). Da qui in discesa fino ad arrivare ad una forcella (q. 1752 m), seguita da un crinale di cresta affilato, con evidenti placche inclinate rocciose che scendono verso il versante emiliano: i punti più difficili sono assicurati con cavi d'acciaio (complessivamente sono 8 tratti, di breve lunghezza). Superati questi si affronta l’ultima salita verso la vetta del Monte Acuto (1721 m – 1.20 ore).

Da qui per sentiero 657, in ripida discesa nel bosco di faggio fino ad aggirare il Lago del Monte Acuto (q. 1580 m - 0,25 ora), e quindi, in pochi minuti, giungere al rifugio Sarzana, dove pernottiamo.

Difficoltà: EE con alcuni tratti EEA

Dislivello salita: 750m circa
Dislivello discesa: 450m circa
Durata: 6/7 ore circa
Sentieri: n. 00, n. 657
Cartografia: “Parco Nazionale Appennino
Tosco-Emiliano” 1:25.000 – Foglio Ovest – Ed. S.E.L.C.A.

Punti di ritrovo e partenza:

  • ore 7:00 parcheggio Hitachi (ex Breda)

Trasferimento con mezzi propri.

Le spese di trasferimento e di vitto e alloggio presso il rifugio Sarzana sono a carico dei partecipanti.

Si raccomanda abbigliamento e attrezzatura idonei (scarponi da trekking, giacca antivento, cappello, borraccia, frontalino ecc…). Obbligatorio l’uso del kit da ferrata (set, imbracatura, casco)

Iscrizioni entro venerdì 24 Maggio.

L’escursione è riservata ad un numero massimo di 20 partecipanti.

Per informazioni e iscrizioni:

  • AE/EAI Massimiliano Panichi cell. 3392539646
  • AE/EEA Massimo Frangioni cell. 3479247633

Per i non soci è obbligatoria l’assicurazione che viene attivata al momento dell’iscrizione al costo di 10 Euro.

La partecipazione comporta l’accettazione del regolamento escursioni sezionale visionabile al seguente

link: https://www.caimaresca.it/index.php/area-sezione/attivita-della-sezione/regolamento-escursioni

Gli accompagnatori si riservano di modificare o annullare l’escursione, laddove si verificassero condizioni tali da compromettere la sicurezza dei partecipanti.

Informazioni sulla località

Rifugio Città di Sarzana

Via
Sentiero Attrezzato dei Groppi di Camporaghena
Provincia
Emilia-Romagna
Paese
Italia

Cerca